Cos'è il metodo Riabilitango®?

Riabilitango® è un metodo di tangoterapia fondato sull'utilizzo di passi, figure, esercizi di tecnica e musica di Tango Argentino che vengono scelti e combinati tra loro in base alla specifica problematica da migliorare e alla reale capacità/potenzialità degli utenti a cui vengono proposti.

Dato l'obiettivo specifico del metodo, la tangoterapia Riabilitango prevede la presenza contemporanea di professionisti in campo sanitario (es. medico, fisioterapista, infermiere, psicoterapeuta...) e di operatori abilitati all'insegnamento del tango argentino.


Quali sono i suoi effetti benefici?


Molteplici studi dimostrano che ballare il Tango Argentino migliora equilibrio, postura, controllo e qualità del movimento oltre al tono dell'umore... Tutto ciò si traduce in una maggior sicurezza e scioltezza nel compiere tutte le principali attività di vita quotidiana e nella relazione, aumentando globalmente il livello di benessere psico-fisico.


A chi è rivolto il Riabilitango®?
 

  • Sfera fisica: particolarmente indicato per persone affette da problemi di equilibrio e del controllo del movimento come nel Morbo di Parkinson, esiti di ictus, sclerosi multipla o come esercizio moderato di riallenamento graduale allo sforzo (es. patologie respiratorie)
     

  • Sfera psicologica e di relazione: Il Tango Argentino è caratterizzato da un preciso gioco di ruoli (uomo-donna), sulla comunicazione non verbale, sull'interpretazione e sull'improvvisazione, permettendo quindi la massima libertà nell'espressione della propria personalità. E' pertanto indicato in persone insicure, con scarsa fiducia nelle proprie potenzialità, negli stati d'ansia, di stress e di depressione non grave, in chi manifesta difficoltà di relazione/comunicazione.
     

  • A tutti coloro che desiderano accostarsi al Tango Argentino con una visione più "olistica", non solo per imparare a ballarlo, ma per conoscere meglio se stessi e come strumento di benessere.

 

Come è nato?

 

MARILENA PATUZZO, Coordinatrice Infermieristica in ambito riabilitativo dal 1999 e docente di Infermieristica Clinica nella disabilità neuropsichica presso l'Università degli Studi di Milano, ha unito la competenza sanitaria con la grande passione per il Tango Argentino, dando origine a questa specifica forma di tangoterapia.